Forgot your password?

We just sent you an email, containing instructions for how to reset your password.

Sign in

  • Stanotte in pieno sonno, all’improvviso,
    con un grido ho svegliato tutti in casa,
    saltavo avanti e indietro come un grillo
    e viva è l’emozione che mi ha invaso.

    Ma tu guarda che sogno vado a fare?
    Di tutti quanti proprio il più tremendo:
    queste son cose che fanno pensare,
    ti posson fulminare in un momento.

    Io me ne stavo in piedi, sopra un monte,
    quando dal bosco m’arriva un lamento ...
    ma visto ch’ero in alto e fuori mano
    ho detto: “Non può essere che il vento!”

    Ma appena sceso lungo un canalone
    vedo che, sotto un salice piangente,
    c’è un fosso ricoperto di pietrame
    e in fondo a tutto giaceva il Serpente.

    - Aiuto! Aiuto! – il povero animale
    gridava con la forza del suo fiato
    e appena mi ravvide: - Ah, meno male!
    Salvatemi, che io muoio asfissiato.-

    - E chi t’ha rovinato in tal maniera? -
    e intanto lo salvai, facendo leva.
    - E’ stata una persona, ieri sera! -
    rispose quello e già si riprendeva.

    - Se non era per voi io qua morivo
    lasciate che vi abbracci, salvatore! -
    mentre, provato, le parole udivo
    già s’attorciglia al petto con fervore.

    - Lasciami, - gli strillai - che tu m’ammazzi! -
    ma già m’abbandonava ogni mia forza,
    il cuore in petto folle, gli occhi pazzi ...
    mentre il Serpente più serrava stretto.

    - Perché mal mi ripaghi? Come mai!
    Questa è la riconoscenza che mi dai?
    A chi il bene ti ha fatto, questo fai?
    E solo se m’ammazzi, ne godrai? -

    - Amico mio, sono il Serpente
    e mia natura è non avere cuore:
    perciò ti mangio! Ma non dimenticare
    che proprio l’uomo, spesso, è peggio ancora. -



    Libera traduzione dal napoletano da:
    Ricunuscenza di Antonio de Curtis, in arte Totò
    • Share

    Connected stories:

About

Collections let you gather your favorite stories into shareable groups.

To collect stories, please become a Citizen.

    Copy and paste this embed code into your web page:

    px wide
    px tall
    Send this story to a friend:
    Would you like to send another?

      To retell stories, please .

        Sprouting stories lets you respond with a story of your own — like telling stories ’round a campfire.

        To sprout stories, please .

            Better browser, please.

            To view Cowbird, please use the latest version of Chrome, Safari, Firefox, Opera, or Internet Explorer.