Forgot your password?

We just sent you an email, containing instructions for how to reset your password.

Sign in

  • Avevo circa 7 anni, dalla finestra della cucina prima sentivo lo scoppiettio del suo Motom 4 tempi e poi lo vedevo passare al di là del Piave in un punto, dove tra due case, potevo vedere uno scorcio della strada che entrava nella piazza della chiesa, poi via di corsa alla finestra del bagno, pochi secondi e transitava sul ponte, allora correvo giù per le scale e lo raggiungevo davanti a casa.
    Nonno Libero era il mio idolo, anche se era a pezzi dopo una giornata di lavoro a Sappada, toglieva dalle spalle lo zaino, slacciava la cintura degli atrezzi da carpentiere , mi metteva sul serbatoio del Motom e via a fare il giro del paese, mi lasciava il manubrio e io ero il bambino più felice dell’universo…
    • Share

    Connected stories:

About

Collections let you gather your favorite stories into shareable groups.

To collect stories, please become a Citizen.

    Copy and paste this embed code into your web page:

    px wide
    px tall
    Send this story to a friend:
    Would you like to send another?

      To retell stories, please .

        Sprouting stories lets you respond with a story of your own — like telling stories ’round a campfire.

        To sprout stories, please .

            Better browser, please.

            To view Cowbird, please use the latest version of Chrome, Safari, Firefox, Opera, or Internet Explorer.