Forgot your password?

We just sent you an email, containing instructions for how to reset your password.

Sign in

  • I giorni passavano e Rosa non sapeva più come fare a nascondere la sua pancia.
    Sola nella camera, abbandonata sul letto sfatto, lasciava che i pensieri e l'angoscia la pervadessero dandole quel sottile dolore che la faceva sentire ancora viva.
    Già ancora viva... quante volte negli ultimi giorni aveva pensato di farla finita.
    Quel pensiero la faceva andare avanti, era la soluzione finale, quella sarebbe stata la sua via di fuga.
    Stranamente non pensava mai alla creatura che stava crescendo dentro di lei, non era egoismo, era l'istinto di sopravvivenza, non era ancora riuscita a pensare al suo bambino perché non ne aveva ancora accettato la presenza, perché era la causa di tutti i suoi problemi.
    Quattordici anni sono troppo pochi per diventare madre...
    • Share

    Connected stories:

About

Collections let you gather your favorite stories into shareable groups.

To collect stories, please become a Citizen.

    Copy and paste this embed code into your web page:

    px wide
    px tall
    Send this story to a friend:
    Would you like to send another?

      To retell stories, please .

        Sprouting stories lets you respond with a story of your own — like telling stories ’round a campfire.

        To sprout stories, please .

            Better browser, please.

            To view Cowbird, please use the latest version of Chrome, Safari, Firefox, Opera, or Internet Explorer.