Forgot your password?

We just sent you an email, containing instructions for how to reset your password.

Sign in

  • Avevo fatto il test di gravidanza proprio il 24 dicembre e il giorno di natale avevo un volo per Roma, per andare dai miei genitori. per loro sarebbe stata solo la seconda volta in cui avrebbero incontrato il mio fidanzato. e non sapevano nulla del nostro grande amore.
    durante il volo mi ero preparata mille modi per dire a mio padre che ero incinta, che io sarei diventata madre per la prima volta e lui per la prima volta nonno.
    Mio padre è come un castello, forte e inaccessibile. ma una volta che sei entrato dentro nulla e nessuno potrebbe mai farti del male.
    mentre "lui" apettava i bagagli sono uscita da sola a cercare mio padre, era vicino alla fermata dei taxi. appena l'ho visto ho capito che non potevo aspettare, che tutto quello che avevo pensato di dire sarebbe stato per un'altra vita, o per quella di qualcun'altro.
    non ricordò più le parole che ho usato, ricordo solo il suo abbraccio fortissimo, come poche altre volte nella nostra vita.
    ricordo la sensazione di essere veramente a casa.
    ero entrata nel castello.
    • Share

    Connected stories:

About

Collections let you gather your favorite stories into shareable groups.

To collect stories, please become a Citizen.

    Copy and paste this embed code into your web page:

    px wide
    px tall
    Send this story to a friend:
    Would you like to send another?

      To retell stories, please .

        Sprouting stories lets you respond with a story of your own — like telling stories ’round a campfire.

        To sprout stories, please .

            Better browser, please.

            To view Cowbird, please use the latest version of Chrome, Safari, Firefox, Opera, or Internet Explorer.